FOCUS: WINDOW ON KUWAIT, in scena i giovani registi dal Kuwait

FOCUS #SYRIA #STOPWAR
29 Marzo 2018
#EATING MIDDLE EAST: gli aperitivi di questa edizione del festival
2 Aprile 2018

Il viaggio del festival attraverso il nuovo cinema dal Golfo – dopo aver toccato il Qatar, gli Emirati Arabi Uniti, il Bahrain e l’Oman – quest’anno fa tappa in Kuwait. Laura Aimone, curatrice del festival del programma film dai paesi del Golfo, e collaboratrice di alcuni tra i più importanti festival di cinema internazionali, indaga il tema principale di questa edizione, l’essere connessi in Medioriente, e lo declina utilizzando sfumature diverse all’interno del mondo della tecnologia. Ne emerge un quadro sfaccettato e a tratti quasi onirico, che ci invita a riflettere con un sorriso beffardo su quello che è stato, quello che è, e quello che potrebbe essere.
#CINEMA #KUWAIT #GULF

Programma Focus: Window on Kuwait
Giovedì 12 aprile / Thursday, April 12th h. 17:00 / 5:00pm
Cinema La Compagnia
(durata slot 63’)

The Best Life di Meqdad Al-Kout
(Kuwait, 2016, 6’) v.o: arabo, sottotitoli: inglese, italiano
Durante la giornata un uomo è incollato allo smartphone per seguire la sua guru del mondo virtuale e al contempo cerca di sopportare la sua routine quotidiana. “The Best Life” offre uno spaccato divertente sull’ossessione contemporanea dell’essere connessi.
Over the course of a day, a man is glued to his smartphone, following his favorite social-media celebrity guru as he tries to cope with his mundane routine. “The Best Life” is an amusing take on the contemporary obsession for online living.
Anteprima Europea, alla presenza del regista 

Men’s Barbershop di Mishal Al Hulail
(Kuwait, 2012, 14’) v.o: arabo, sottotitoli: inglese, italiano
Alcune cose possono sembrare insormontabili… come cambiare il proprio barbiere.
Some things are seemingly insurmountable… like changing who cuts your hair.
Anteprima Europea

Our Neighbor Bu Hamad di Meshal Alhulail
(Kuwait, 2017, 33’) v.o: arabo, sottotitoli: inglese, italiano
Khaled ha una ventina d’anni ed è solitamente una persona riservata. Ma quando inizia a sentire degli strani rumori provenire dalla casa del suo vicino, Bu Hamad, la sua curiosità viene stuzzicata. Presto, però, inizia a rimpiangere la sua decisione di scoprirne la causa.
Khaled is a twenty-something man who usually minds his own business. But when strange noises
begin emanating from his neighbor, Bu Hamad’s house, his curiosity is piqued. But soon, he starts
to regret his decision to discover the cause. Anteprima Europea

Sandarah di Yousef Al Bagshi
(Kuwait, 2014, 7’) no dialoghi
Un giovane fotografo è costretto ad unirsi all’esercito del suo paese, mentre invade un altro stato. È costretto a prendere una decisione repentina che potrebbe condizionare pesantemente la sua vita.
A young photographer is forced to join his country’s army as it invades another state. He is forced to take a quick decision that could have a major impact on his life. Anteprima italiana

The Unmissing Part di Ahmed Alkhudari
(Kuwait, 2016, 3’) no dialoghi
Un giovane rifiuta il gesto empatico di un commesso di vendergli una scarpa sola, anche se gli sarebbe sufficiente per condurre una vita normale.
A young man refuses the salesperson empathy to sell him a single shoe even though it’s enough for him to lead a normal life. Anteprima italiana

Proiezioni Singole:
The Best Life di Meqdad Al-Kout – opening evening, martedì 10 aprile / Tuesday, April 10 h.21.00 / 9:00pm

Comments are closed.

ITA