9 APRILE 2015

Giovedì 9 Aprile
Cinema ODEON, Piazza Strozzi


Ore 16.00

The Policeman House
THE POLICEMAN’S HOUSE di Mich’ael Zupraner
(Israele, Palestina, 2013, 25’) vo. ebraico, arabo, sottotitoli: italiano, inglese
Costruito in modo provocatorio attorno alla precaria posizione del regista, ebreo israeliano che vive nella città palestinese di Hebron, il documentario mescola magistralmente immagini d’interni ed esterni della sua casa, con voci, bugie e mezze verità che circolano tra i suoi vicini arabi ed ebrei.
Anteprima Italiana


a seguire:

Mulberry House_Middle East Now
THE MULBERRY HOUSE di Sara Ishaq
(Yemen , Syria , Egypt, Scotland, United Arab Emirates, 2013, 65′) vo. arabo, sottotitoli: italiano, inglese
Dopo 10 anni trascorsi in Scozia, la regista decide di tornare in Yemen con la sua telecamera, nella casa in cui ha trascorso la sua infanzia. Scoppiano le rivolte contro l’autoritario Presidente Saleh, e da subito la sua famiglia è coinvolta nelle proteste, e la regista stessa diventa corrispondente per i media internazionali. Documentario toccante e intenso sui cambiamenti e le speranze dentro e fuori dalla sua casa.
 

Ore 17.45

THE RUNNER di Mohannad Eissa [Tripoli Stories]
(Libia, UK, 2014, 4’) vo. arabo, sottotitoli: italiano, inglese
La storia di quello che è accaduto al velocista libico Al Tari Shibli, dopo aver mostrato alle telecamere la bandiera d’indipendenza tatuata sul suo corpo, durante una gara internazionale.
Anteprima Internazionale

a seguire:

No Land's Song_Middle East Now
NO LAND’S SONG di Ayat Najafi
(Iran, Germania, Francia, 2014, 90’) vo. persiano, inglese, francese, sottotitoli: italiano, inglese
In Iran è vietato per le donne cantare da soliste davanti a un pubblico misto. Il sogno della giovane compositrice Sara Najafi, di portare su un palco due cantanti iraniane insieme a tre artiste francesi, si trasforma in un viaggio avvincente tra i divieti e i tabù di un sistema che prova a opporsi alla forza rivoluzionaria della musica e delle donne… Un documentario pluripremiato ai festival internazionali, a meta’ strada tra il thriller politico e il viaggio musicale.
Anteprima italiana, introduce Felicetta Ferraro – curatrice sezione Iran

 

————————–
IL PUNTO DELLE 19.30

Cinema Odeon – ingresso gratuito (19.30-20.00)
GEOGRAFIE DELLA MENTE
Chiara Comito (Editoria Araba) e Felicetta Ferraro (Ponte33) presentano “Voyage Books”:  insolite guide di viaggio, narrativa e consigli di lettura per viaggiatori alle prese col Medio Oriente e il Nord Africa. E inoltre, presentazione dell’installazione Soundscape of Tehran, con l’intervento della curatrice iraniana Leila Sajjadi, e del progetto fotografico Everyday Middle East, con la fondatrice e reporter canadese Lindsay Mackenzie.
———————————-


TURCHIA NIGHT

Ore 20.00
Eating Middle East:
LA CUCINA DEL SULTANO
La Cucina del Sultano_Middle East Now
Una selezione di piatti tipici della cucina Turca
Degustazione + proiezione del film a seguire: 15 euro
Prenotazione con prevendita direttamente alla cassa del Cinema Odeon
o su www.boxol.it
info@middleastnow.it


Ore 20.45

UNTIL I LOSE MY BREATH
UNTIL I LOSE MY BREATH di Emine Emel Balci
(Turchia, Germania, 2015, 94’) vo. turco, sottotitoli: italiano, inglese
Film d’esordio della giovane e talentuosa regista turca Emine Emel Balci, presentato in anteprima al Festival di Berlino. Serap, una ragazza ventenne a cui è morta la madre, lavora in una fabbrica di tessuti a Istanbul. Vive a casa della sorella, ma il suo unico desiderio è quello di convincere il padre camionista a tener fede alla sua promessa, e affittare un appartamento per loro due. Ma lui è del tutto indifferente ai suoi desideri, e così Serap decide di prendere in mano la situazione. Il racconto di un rapporto padre-figlia e di un amore incondizionato, girato in pieno stile fratelli Dardenne.
Anteprima italiana alla presenza della regista, introduce Marco Luceri – critico cinematografico SNCCI


Ore 22.30

THE JOURNEY di Hana Makki
(Emirati Arabi, 2012, 15’) vo. arabo, sottotitoli: italiano, inglese
Un viaggio in taxi, la conversazione tra una giovane governante etiope appena arrivata negli Emirati, e il taxista indiano più anziano di lei. Strada facendo scopriamo le speranze, i sogni e le realtà quasi invisibili di questi espatriati.
Anteprima Italiana, alla presenza della regista. 

a seguire

HAMAMA
HAMAMA 
di Nujoom Alghanem [Window on UAE]
(Emirati Arabi, 2010, 63’) vo. arabo, sottotitoli: italiano, inglese
Hamama, guaritrice quasi novantenne, è una leggenda vivente degli Emirati Arabi. Le sue doti di curatrice sono di valore inestimabile per le centinaia di persone che continuano ad andare a trovarla ogni giorno a Sharjah, Il documentario segue Hamama nel dilemma tra la grande responsabilità morale del curare il prossimo, e il fronteggiare gli anni che passano.
Anteprima Italiana, presenta la curatrice della sezione Laura Aimone

 


Giovedì 9 Aprile

Cinema Stensen – Viale Don Minzoni 25


Ore 21.00

STUFFED FISH di Baran Jafari
(Iran, 2014, 6’), vo persiano, sottotitoli: italiano, inglese
Shirin, una giovane donna, rientra da un viaggio in Canada con un giorno di anticipo. Prepara una sorpresa per il marito che sta tornando a casa, ma mentre chiacchiera al telefono con un’amica, ad essere sorpresa sarà lei!
Anteprima italiana, alla presenza della regista


a seguire:


THE BLUE VEILED
THE BLUE VEILED 
di Rakhshan Bani-Etemad – Omaggio a Simin Motamed Arya
(Iran, 85’, 1995) vo. persiano, sottotitoli: inglese, italiano.
La coppia Fatemeh Motamed Arya e Rakhshan Bani Etemad in un film di forte impegno sociale e di sentimenti che ha segnato la strada del cinema iraniano post-rivoluzionario. Il proprietario di una fabbrica di pomodori, dopo la morte della moglie, s’innamora di una giovane operaia, povera ma orgogliosa. Mentre tutti cercano di ostacolare la relazione, l’uomo farà una scelta che sfida le convenzioni sociali.
A seguire conversazione con l’attrice Simin Motamed Arya

 

 

ITA