Focus sul nuovo cinema dall’Egitto

Il corso di cucina irachena con il famoso chef Philip Juma
24 Marzo 2017
Scarica la Guida di Middle East Now 2017
26 Marzo 2017

Il Focus Egitto è uno degli highlights di questa edizione, con una selezione di anteprime che raccontano il paese in un momento più che mai critico della sua storia recente.

Alessandria e Il Cairo nel 1896 sono state le prime città del mondo a ospitare le proiezioni dei Fratelli Lumiere. Da allora l’Egitto ha sempre avuto una posizione centrale nel cinema internazionale, e Il Cairo è stata spesso considerata la capitale araba del cinema, la “Hollywwod on the Nile”, con star come Omar Sharif e Faten Hamama. Con la rivoluzione del 2011 l’industria del cinema ha subito un colpo devastante, e scosse di assestamento sono continuate con il rovesciamento del presidente Morsi, e la successiva ondata di violenza. Ma dopo anni d’instabilità, ci sono segni evidenti che un nuovo corso del cinema egiziano si è avviato. Middle East Now ha voluto dedicargli un focus, con la proiezione di 5 film di 5 giovani registi, che saranno a Firenze per l’occasione per raccontare il loro paese.

Tra i titoli in programma il capolavoro “In the last days of the city” di Tamer Elsayed (2016, 118’) dedicato al Cairo, sinfonia di una grande città, tra documentarismo e fiction, che rende in modo potente l’anima confusa dell’Egitto contemporaneo; il film di debutto “Whitered Green” (2016, 73’) del regista Mohammed Hammad, miglior opera prima al festival di Dubai, sulla determinazione di una giovane donna nel negoziare le tradizioni patriarcali legate al matrimonio; e ancora il documentario “Whose Country?” di Mohamed Siam (2016, 57′), ritratto impietoso di un paese attraverso le vicende di un gruppo di poliziotti del Cairo; il documentario “Happily Ever After” (2016, 71′), che segue la tormentata storia d’amore post-rivoluzione dei due registi Nada Riyadh e Ayman El Amir; e in chiusura focus il primo acclamato lungometraggio di Sherif Elbendary, uno dei più talentuosi giovani registi egiziani, che presenterà a Firenze in anteprima italiana il suo road movie “Ali, The Goat, and Ibrahim” (2016, 97’).

Programma:
Happily Ever After di Nada Riyadh, Ayman El Amir –giovedì 6 Aprile / Thursday, April 6th h.18.15 / 6.15pm
Whose Country? di Mohamed Siam – venerdì 7 Aprile / Friday, April 7th h.18.15 / 6.15pm
Withered Green di Mohammed Hammad – venerdì 7 Aprile / Friday, April 7th h.22.30 / 10.30pm
In the last days of the city di Tamer El Said – sabato 8 Aprile / Saturday, April 8th h.20.45 / 8.45pm
Ali, The Goat, and Ibrahim di Sherif Elbendary – domenica 9 Aprile / Sunday, April 9th h.21.00 / 9.00pm

 

 

Comments are closed.