DIBATTITI, PRESENTAZIONI, DEGUSTAZIONI

FOCUS GREENHOUSE
31 Marzo 2013
MIDDLE EAST NOW AWARD: VINCE FACING MIRRORS
10 Aprile 2013

   

Una serie di eventi collaterali, tra i quali incontri, dibattiti con la partecipazione di esperti di Medioriente, scrittori, giornalisti e professori universitari, ma anche speciali degustazioni di cucina mediorientale e persiana, eventi focalizzati a raccontare la cultura contemporanea di quest’area del mondo in modo coinvolgente, interattivo e stimolante per il pubblico. Tra gli eventi in calendario a questa edizione:

|||||||||||||||||||||||||||
GIOVEDI’ 4 APRILE

CINEMA ODEON – PIAZZA STROZZI

ORE 10.00
Evento-dibattito aperto al pubblico
“Oltre il Conflitto. Problemi e buone pratiche per disegnare il futuro del Mediterraneo”.
in collaborazione con Tavolo per la Cooperazione Mediterraneo e Medioriente – Regione Toscana
_Presentazione di Greenhouse Film Centre, l’istituzione che realizza uno dei piu’ innovativi programmi di formazione legati al documentario nel Mediterrano;
a seguire dibattito legato al progetto “La Primavera Mediterranea: azioni a sostegno dell’affermazione della Democrazia e dei Diritti nel Maghreb”, con la partecipazione degli attori della Cooperazione Decentrata Toscana, i registi presenti al festival, Alberto Tonini (Università di Firenze), e altri esperti dell’area del Mediterraneo; modera Vittorio Iervese (Università di Modena)

 

ORE 19.45
HUMMUS NIGHT – SERATA DEGUSTAZIONE A BASE DI “HUMMUS”

piatto tipico mediorientale a base di ceci
a cura del Ristorante libanese La Valle Dei Cedri
Degustazione + proiezione del film a seguire: 15 euro
Prenotazione con prevendita direttamente alla cassa del cinema Odeon
o su www.boxol.it/odeon-firenze
info@middleastnow.it

 

A SEGUIRE
ORE 20.45
Kabul at Work di David Gill – cortometraggio
(Afghanistan, 2012, 15’) vo. dari, pashto, sottotitoli: italiano, inglese

Make Hummus Not War di Trevor Graham – lungometraggio
(UK, USA, Israele, Palestina, Australia, 2012, 77’) vo. arabo, ebraico, sottotitoli: italiano, inglese
E’ nell’hummus il segreto per la pace in Medio Oriente? Per scongiurare la minaccia di una nuova guerra tra Israele, Libano e Palestina sulla paternità della più famosa crema di ceci al mondo, il documentarista Trevor Graham ha percorso il Medio Oriente in lungo e largo, per arrivare alla conclusione che il simbolo della convivenza esiste già: non fate la guerra, preparate un piatto gigantesco di hummus e sedetevi insieme a gustarlo!
anteprima italiana, in collegamento skype il regista Trevor Graham

 

|||||||||||||||||||||||||||
VENERDi’ 5 APRILE

CINEMA ODEON – PIAZZA STROZZI

ORE 10 – 13
LO SGUARDO DELL’ALTRO.
 Tradizioni e passioni negli occhi dei giovani mediorientali
Mattina di proiezioni dedicate alle scuole superiori in collaborazione con il Tavolo per la Cooperazione Mediterraneo e Medioriente – Regione Toscana, legate al progetto “Processi di scambio e inclusione sociale tra giovani palestinesi dei Territori Occupati e dei campi profughi in Libano”. In programma: A World Not Ours di Mahdi Fleifel (Libano, 2012, 93’), Noor (Egitto, 2012, 15’) di Ahmed Ibrahim; Free Running Gaza (Palestina, 2012, 25′) di George Azar e Mariam Shahin. Partecipano esperti di Medioriente e i registi presenti al festival, modera Vittorio Iervese (Universita’ di Modena).

 

 

DALLE ORE 19.30

MAROCCO NIGHT – SERATA DEDICATA AL MAROCCO
Aperitivo con piatti tipici marocchini presso Odeon Bistro – Cinema Odeon

 

 

 

 

A SEGUIRE
ORE 21.00
MAQLOUBEH di Nicolas Damuni – cortometraggio
DEATH FOR SALE di Faouzi Bensaidi
(Marocco, Belgio, Francia, Germania, UAE, 2011, 117’) vo. arabo, sottotitoli: italiano, inglese
Candidato dal Marocco agli Oscar, il film è un thriller ambientato a Tetouan, una cittadina nel nord del Marocco. Protagonisti tre amici che vivono di piccoli crimini e con ben poche aspirazioni per il futuro. Malik si innamora di Dounia, bellissima prostituta, ed è deciso a farla sua. Allal ha bisogno di soldi per far crescere i suoi traffici. Il giovane Soufiane cerca disperatamente una strada, e si fa tentare dai fondamentalisti. Anche se i loro destini sembrano dividerli, i tre decidono che sarà la rapina in una gioielleria l’unica possibilita’ per uscire da una situazione disperata. Sotto un cielo perennemente plumbeo, la loro amicizia sara’ messa alla prova.  alla presenza del regista e dell’Ambasciatore del Marocco S.E. Mr. Hassan Abouyoub

 

|||||||||||||||||||||||||
SABATO 6 APRILE

CINEMA ODEON – PIAZZA STROZZI

ORE 10.00 Greenhouse Documentary Workshop
Workshop dedicato al documentario in collaborazione con Greenhouse Film Centre, Fondazione Sistema Toscana, Festival dei Popoli e Associazione Documentaristi Anonimi – ingresso riservato agli iscritti

ORE 14.30
Presentazione del libro di Lapo Pistelli
IL NUOVO SOGNO ARABO. DOPO LE RIVOLUZIONI (Feltrinelli Editore)
Dialogano con l’autore Alberto Tonini (Universita’ di Firenze) e Stefano Torelli (ISPI, Sette – Il Corriere della Sera)

ORE 16.30
Presentazione di Greenhouse Film Centre
L’istituzione che realizza uno dei più innovativi programmi di formazione dedicati ai documentaristi del Mediterraneo e del Medio Oriente: partecipano Sigal Yehuda (direttore di Greenhouse), Bruni Burres (produttrice, Sundance Documentary Programme), John Appel (regista e produttore), Robert Hans Eisenhauer (produttore, ZDF/ARTE) e i registi Abeer Haddad (Duma), Yariv Mozer (The Invisible Men), Youssef Ait Mansour (In The Name of the Brother), presenta Vittorio Iervese (Universita’ di Modena)

A SEGUIRE L’ANTEPRIMA MONDIALE DI
Greenhouse Film|In The Name of the Brother di Youssuf Ait Mansour
(Marocco, 2013, 52’) vo. arabo, sottotitoli: italiano, inglese

 

|||||||||||||||||||||||||||||
DOMENICA 7 APRILE
CINEMA ODEON – PIAZZA STROZZI

ORE 11.00
Dibattito aperto al pubblico:

AFGHANISTAN INSIDE / OUT. Cultura e societa’ civile nell’Afghanistan di oggi
con la partecipazione di Mohammad Hossein Mohammadi (scrittore, autore di I fichi rossi di Mazar-e Sharif – Edizioni Ponte33), Felicetta Ferraro (iranista, responsabile casa editrice Ponte33), Emanuele Giordana (giornalista), Giuliano Battiston (giornalista, ricercatore freelance), Principessa Soray Malek (membro del network Afgana e rappresentante del social project Azezana), David Gill (fotoreporter, Kabul at Work) e con la partecipazione dei registi presenti al festival.

Ore 16.00:
SYRIA NOW – Riflessione sull’attualita’ siriana
Introduce e modera Viviana Mazza, giornalista del Corriere della Sera
Al Intithar (Waiting) di Mario Rizzi
(Italia, UAE, 2013, 30’) vo. arabo, sottotitoli: italiano, inglese
Cronaca ravvicinata ma discreta della vita semplice e dura di alcune donne siriane a Camp Zaatari, il campo profughi siriano nel deserto giordano, in cui vivono gia’ 45.000 rifugiati, e dove l’attesa di qualcosa di indefinito sembra protrarsi l’infinito.
anteprima italiana alla presenza del regista, proiezione in collaborazione con Villa Romana
A SEGUIRE

ROUND TRIP di Mayar Al Roumi
(Siria, Francia, 2012, 73’) vo. arabo, sottotitoli: italiano, inglese
Per Walid, un tassista di Damasco, la sua auto è il solo posto dove poter rubare un bacio alla ragazza che ama. Quando Suhair viene invitata a Tehran da un’amica, decidono di partire insieme in treno. Il viaggio diventa cosi’ un’occasione, splendida come il paesaggio che scorre davanti ai loro occhi, per conoscersi al di fuori del suo taxi… anteprima italiana alla presenza del regista, Q&A con i registi Mario Rizzi e Mayar Al-Roumi

 

||||||||||||||||||||||||||
LUNEDI 8 APRILE

CINEMA ODEON – PIAZZA STROZZI
Ore 18.00
Jasad & The Queen of Contradictions di Amanda Homsi-Ottosson
(Libano, UK, 2011, 38’) vo. arabo, sottotitoli: italiano, inglese
La storia dell’affascinante poetessa e scrittrice libanese Joumana Haddad, che ha suscitato innumerevoli polemiche in tutto il Medio Oriente per aver fondato Jasad (“corpo”), la prima rivista trimestrale erotica in lingua araba. Il documentario fa conoscere allo spettatore le motivazioni che hanno spinto l’appassionata Joumana a mettere in piedi un progetto così controverso e le sfide che affronta quotidianamente per portarlo avanti.
anteprima italiana alla presenza della regista e della protagonista Joumana Haddad

A SEGUIRE
presentazione dell’ultimo libro della scrittrice libanese JOUMANA HADDAD
“Superman è Arabo. Su Dio, il matrimonio, il machismo e altre invenzioni disastrose” (Mondadori)
introduce e modera GAD LERNER


ORE 20.00 APERITIVO PERSIANO
Degustazione di specialita’ tipiche persiane a cura di Sireh
Degustazione + proiezione del film a seguire: 15 euro
Prenotazione con prevendita direttamente alla cassa del cinema Odeon
o su www.boxol.it/odeon-firenze
info@middleastnow.it

 

ORE 21.00
Noor di Ahmed Ibrahim
(Egitto, USA, 2012, 15’) vo. arabo, sottotitoli: italiano, inglese

A SEGUIRE
FILM DI CHIUSURA

WAJMA – AN AFGHAN LOVE STORY di Barmak Akram
(Afghanistan, 2012, 86’) vo. persiano, sottotitoli: italiano, inglese
Nevica a Kabul, e Mustafa, un cameriere precario, corteggia Wajma, studentessa giovane e carina. Tra i due inizia una relazione clandestina, appassionata e coinvolgente, senza rendersi conto che stanno per infrangere le dure regole della societa’ tradizionale afgana. Dopo che Wajma scopre di essere incinta, e Mustafa rifiuta di sposarla, le certezze della ragazza crollano. Il padre si trovera’ davanti a un bivio: decidere di mantenere l’onore della sua famiglia, oppure scegliere per il bene di sua figlia. L’ultimo film di uno dei piu’ acclamati registi afgani, che ha vinto il premio per la miglior sceneggiatura all’ultimo Sundance Film Festival. anteprima italiana, alla presenza dell’attore protagonista Hadji Gul

 

1 Comment

  1. […] e ospiti speciali, workshop, approfondimenti con esperti di Medio Oriente, mostre, dibattiti e degustazioni di cucina Mediorientale in collaborazione con i ristoranti e locali mediorientali di […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.