L’anteprima di AYOUNI di Yasmin Fedda, dedicato a Padre Paolo Dall’Oglio, mercoledì 29 luglio su “Più Compagnia”

Middle East Now posticipa le date del festival 2020
8 Marzo 2020

Mercoledì 29 luglio, alle 21.30 nella sala virtuale “Più Compagnia”, il film che dà un volto alle migliaia di scomparsi nella guerra in Siria: tra i protagonisti Padre Paolo dall’Oglio, esattamente a sette anni dal suo rapimento.

E’ la speciale anteprima online di uno dei film selezionati per Middle East Now festival 2020, riprogrammato a ottobre. Per il terzo appuntamento della rassegna MIDDLE EAST NOW & BEYOND, dedicata a film acclamati alle precedenti edizioni del festival assieme a qualche anticipazione dell’undicesima edizione, all’interno del programma di “Più Compagnia”, nuova sala cinematografica virtuale lanciata dal Cinema La Compagnia, presentiamo “AYOUNI”, il nuovo documentario della pluripremiata regista Yasmin Fedda, dedicato a Padre Paolo Dall’Oglio e Bassel Safadi. Attraverso le testimonianze di Machi e Noura, rispettivamente la sorella di Padre Polo e la moglie di Safadi, il film, che ha debuttato in competizione al prestigioso festival CPH DOX di Copenhagen, dà voce a chi cerca notizie sui propri congiunti forzatamente scomparsi in Siria. Si tratta di oltre 100mila persone come risucchiate in un limbo, di cui nessuno ha più notizie. L’unica possibilità, per i familiari, è aggrapparsi alla speranza.
Oltre alla proiezione speciale di mercoledì 29 luglio, Il film sarà On Demand sulla piattaforma Più Compagnia fino al 31 agosto


Leggi l’articolo-intervista del Corriere della Sera (28 luglio)
«Paolo Dall’Oglio, mio fratello: non tradite gli scomparsi in Siria come lui»
Rapito 7 anni fa, ora la sorella ne parla in un film. Per ricordare i 100 mila desaparecidos siriani
di Viviana Mazza


MERCOLEDÌ 29 luglio – ore 21.30

AYOUNI di Yasmin Fedda
(Uk/Qatar, 2020, 75 minuti) – versione originale, sottotitoli in italiano


Noura e Machi cercano risposte sui loro cari: Bassel Safadi e Paolo Dall’Oglio, che sono tra le oltre 100.000 persone scomparse in Siria. Di fronte al limbo di una devastante assenza di informazioni, la speranza è l’unica cosa a cui devono aggrapparsi. Ayouni è una parola che in lingua araba significa letteralmente “i miei occhi”, ma viene usata nel linguaggio degli affetti per dire “amore mio”. Così i genitori si rivolgono ai figli, così si chiamano tra di loro gli innamorati, ma anche le sorelle e i fratelli. Una scelta che non è solo linguistica, ma anche di contenuto. perché la pellicola racconta l’attesa, l’incertezza, il bisogno di risposte concrete di chi ha visto sparire forzatamente una persona cara e chiede verità e giustizia. Girato per sei anni e in più Paesi in cerca di risposte, Ayouni è un tentativo di dare facce ai numeri, dare voce al silenzio e rendere innegabilmente visibile l’invisibile.

La proiezione è introdotta da un incontro con la regista Yasmin Fedda e Machi Dall’Oglio, sorella di Paolo Dall’Oglio, con la partecipazione di Viviana Mazza, giornalista della redazione Esteri del Corriere della Sera

– Il film è disponibile per 24 ore e On Demand fino al 31 agosto –
#Più Compagnia è progetto di Fondazione Sistema Toscana e Regione Toscana

Info e ticket:
https://www.cinemalacompagnia.it/evento/middle-east-now-beyond-ayouni/

 


I precedenti appuntamenti della rassegna online Middle East NOW & BEYOND:

VENERDÌ 10 luglio (ore 21.00)
TEHRAN CITY OF LOVE di Ali Jaberansari – versione originale, sottotitoli in italiano
(Iran – Gran Bretagna – Paesi Bassi 2018, 102 minuti)
Tre personaggi disincantati: un ex-campione di bodybuilding, una segretaria sovrappeso di una clinica di bellezza e un cantante religioso frustrato, sono alla ricerca dell’amore e di contatti umani a Teheran. Qualcosa di abbastanza difficile in qualsiasi grande città – non da meno a Teheran, dove anche le libertà individuali non possono essere date per scontate. La ricerca dei protagonisti è delicatamente disegnata in questa commedia dolceamara. Tutti e tre stanno cercando calore umano e affetto in una società che non vuole darglieli in cambio.
Prima della proiezione introduzione al film
con il regista Ali Jaberansari e con il produttore Babak Jalali

MARTEDÌ 26 maggio (ore 21.00)
“YOU ONLY DIE TWICE” di Yair Lev – versione originali, sottotitoli in italiano
(Israel / Austria 2018, 92 min)
“You Only Die Twice” è un’opera davvero sorprendente per come, con grande naturalezza, si addentra nel territorio del film investigativo ricco di suspense, sullo sfondo tragico della Seconda guerra mondiale, per poi sfociare in una commovente storia di amicizia e d’amore. Un regista israeliano si mette alla ricerca dell’uomo che, durante la Seconda guerra mondiale, ha rubato l’identità di suo nonno, passando una vita a negare la propria. Un viaggio alla scoperta di un uomo che visse con una famiglia di S.S. e divenne presidente di una comunità ebraica per inganno, che porta lo spettatore a fare incontri estremamente intensi tra discendenti di ebrei e nazisti.

Dopo il film Q&A con il regista Yair Lev

 

Comments are closed.

ITA